Mirco Müller – Welcome To Lugano!

La società bianconera ha siglato questa notte un contratto valido per le prossime sei stagioni (2021-2027) con il difensore Mirco Müller, nato a Winterthur il 21.03.1995, particolarmente apprezzato nel mondo dell’hockey per la sua solidità sul piano difensivo.

Mirco Müller (191 cm. x 95 kg., “left”) è cresciuto nel settore giovanile del Winterthur prima di trasferirsi ai Kloten Flyers dove, diciasettenne, ha fatto il suo esordio in National League.

La brillante stagione 2012/13 giocata con la maglia degli Everett Silvertips in Western Hockey League (WHL) e i Mondiali U18 e U20 disputati con la Nazionale rossocrociata nello stesso inverno lo hanno spinto verso il prestigioso draft NHL al primo turno (18esimo in assoluto) da parte dei San José Sharks nell’estate del 2013.

Da quel momento Müller è sempre rimasto oltre Atlantico, collezionando complessivamente 188 partite di NHL (5 reti, 23 assist) con i San José Sharks e i New Jersey Devils e 145 gare di AHL (5 reti, 35 assist) con i Worcester Sharks, i San José Barracuda e i Binghamton Devils. Nell’ultimo campionato ha poi vestito nella seconda parte della stagione i colori del Leksand in Svezia.

Gli appassionati di hockey svizzeri ricordano Mirco Müller tra gli straordinari protagonisti della magica cavalcata che nel 2018 ha portato ai campionati del mondo di Copenhagen la Nazionale di Patrick Fischer fino ai rigori nella finalissima contro la Svezia. In quella competizione risultò infatti il miglior svizzero in assoluto nella statistica dei +/- (+9) e venne scelto dai media fra i “Top 3 Player” dei rossocrociati.

Mirco Müller si trova attualmente a Riga dove, a partire da sabato, sarà una tra le certezze della Nazionale elvetica ai Mondiali in Lettonia.

Queste le parole di un soddisfatto Hnat Domenichelli, General Manager dell’HCL:

Mirco Müller è un difensore molto solido sul piano difensivo. Possiede un ottimo pattinaggio che lo rende un giocatore mobile nonostante la sua stazza. Ha firmato con noi un contratto di sei stagioni perché crede in quello che sta facendo la nostra organizzazione e nello stesso tempo noi crediamo che lui potrà avere un ruolo importante nel nostro sviluppo”.

Share